sabato 28 giugno 2008

In un mondo perfetto......

Audio consigliato: Genesis "Land of Confusion"

..... ad un discorso così, corrisponderebbe una risposta del tipo:

"Egregio Signor Presidente del Consiglio, lei è un cittadino della Repubblica Italiana, uguale a tutti gli altri. Come tutti gli altri cittadini è stato portato in giudizio a seguito di prove raccolte dal potere giuridico nel pieno esercizio delle sue funzioni.
Da quindici anni a questa parte Lei, che ha rappresentato, secondo le regole di un regime democratico, il potere legislativo di questo stato, non ha fatto altro che attaccare un ramo, la magistratura, dello stesso organo che rappresenta.
Quando non con affermazioni pesanti ed insultanti (nascoste dietro la Sua legittima libertà di parola) addirittura con decreti legge ed iniziative legislative voltanti a ritardare il giudizio, ulteriormente ha fatto il possibile con assenze strategiche per trascinare il più a lungo possibile il dibattimento, chiedendo proroghe su proroghe.
In uno stato normale, le sarebbe stato chiesto conto delle sue azioni, in questo stato le viene concesso di farsi le regole man mano che ne sente il bisogno.
L'idea di indebolire la magistratura non è una nuova invenzione negli ultimi anni (ne parlava Licio Gelli qui) anzi si può dire, con un attimo di memoria storica che adesso si assista alla realizzazione del suddetto piano, ma tutto questo potrebbe essere tacciato di dietrologia, quindi facciamo per l'amor della discussione che tutto questo non lo sia.
L'idea di indebolire la magistratura, dicevamo, è una pratica che cerca di creare delle sacche di impunità sempre più grandi e sempre più facili da sfruttare. Il fatto che venga attuata da uno dei poteri dello Stato è vieppiù sconvolgente e strano, quasi quanto il fatto che la maggioranza di questo paese dia il voto ad una persona che usa il suo potere per i fatti propri e non ha nemmeno l'impudenza di nasconderlo."
Mentre Vespa il suo messaggio lo vuole a reti unificate di fronte alle telecamere (come è facile superare le barocche restrizioni della democrazia!!!) io questo messaggio lo vorrei in bocca a qualcuno dell'opposizione (a questo punto chiunque, pure Casini) durante un bel confronto televisivo.

Alla prossima
Rampa

2 commenti:

Monica ha detto...

Il dramma è che quasi il 50% degli italiani l'ha votato, direttamente o indirettamente. A quanto pare siamo in democrazia e quindi sino a quando la popolazione che la pensa come noi non riuscirà a convincere i suoi sostenitori, dobbiamo subirci una persona che è in politica per fare ciò che gli conviene, ma a differenza di molti lo fa facendolo apparire "giusto". Ma la speranza è l'ultima a morire.

Rampa ha detto...

Chiaro, semplicemente scrivere le cose, parlarne e non far finta che tutto scivoli via è un modo come un altro di reagire.
Ciao
Rampa

Tutte le immagini ed i contenuti sono dei rispettivi proprietari, tutto il resto va sotto le Creative Commons.

Se volete contattarmi via mail cliccate qui.